mercoledì 21 settembre 2016

Anche le (brutte) abitudini si possono cambiare!

Quante volte al giorno guardate l'orologio che tenete al polso? Io troppe, tipo ogni minuto.. Finchè l'ho tolto. Ed è successo per caso. 


L'occasione è stata il matrimonio di un'amica: ho tolto il mio caro Hip Hop e ho infilato l'orologio "della festa". Peccato che avesse la batteria scarica. Ma l'ho messo ugualmente. E ho passato la prime 3 ore a guardarlo, ogni minuto, per poi ricordarmi che era fermo. Cosi alle tante sono riuscita a smettere di guardarlo e mi sono goduta la giornata. 


Il giorno dopo invece di rimettere l'orologio al polso ho deciso di fare un tentativo e provare a vivere senza, almeno per qualche giorno. E per una che non toglieva l'orologio dal primo Flick Flock regalatomi intorno ai 6 anni capite che è stata una scelta difficile e molto sofferta. 

I primi giorni continuavo a cercarlo, volevo sapere che ora era e non guardavo l'orologio del pc o del telefono, io l'ora la cercavo al mio polso. Passata la prima settimana mi sono accorta di una cosa: iniziavo a farci l'abitudine. Cercavo sempre di vedere che ora era ma molto, molto meno. E mi sono accorta anche di un'altra cosa: mi sembrava che il tempo passasse più lentamente. 


Continuare a guardare l'orologio comportava che per me il tempo passasse più velocemente, faceva correre più in fretta le lancette. Non me ne rendevo conto ma l'ansia "da mancanza di tempo" era dovuta a quello! Ora invece, senza orologio al polso, quando guardo l'ora mi dico "ah cavolo, ma solo APPENA le --, ho ancora un sacco di tempo!"

Quindi eccomi qui: CIAO, sono Federica e da 88 vivo senza orologio! ;-)



giovedì 1 settembre 2016

Tutti rientrati? Ok, mettiamoci al lavoro!

Agosto è passato: oggi è davvero SETTEMBRE e non ci resta che rimetterci al lavoro!
Ma come? Con uno spirito nuovo! Più positivo!


Perché "non di solo lavoro vive l'uomo" quindi la mia nuova filosofia sarà massima resa, come sempre, ma meno stress. Impossibile? Lo scopriremo presto, appena ripreso il solito tram tram.

Quello che so è che non voglio più ritrovarmi 12 ore al pc con l'ansia di non riuscire a fare tutto, passando la notte e schedulare la giornata successiva. Non fa bene a me e non lo fa nemmeno al mio lavoro!


Come sempre ci sono tante cose da fare, tante cose a cui "stare dietro" e tante possibilità di crescere ma l'importante è conoscere i propri limiti e saper capire quando è ora di rallentare e giocarmi meglio il proprio (poco) tempo!


Quindi tutti ai posti di comando, si ricomincia! :-)